10 domande che dovresti farti per migliorare le tue campagne di Facebook Ads

Spesso succede. Ti spremi le meningi su una campagna di marketing su Facebook: definisci gli obiettivi, pensi di avere dei copy e dei visual a prova di bomba, ma quando lanci le tue inserzioni, ti accorgi che non arrivano i risultati sperati.

E allora ti chiedi: “Come mai? Dove ho sbagliato?�.

Ecco la checklist definitiva, da tenere sempre sotto mano in questi casi: le dieci domande che devi farti, per capire come risolvere il problema del calo di performance delle tue inserzioni.

LEGGI ANCHE: Facebook Advertising, tutti gli errori da evitare

Le 10 domande che dovresti farti per migliorare le tue Facebook AdsLe 10 domande che dovresti farti per migliorare le tue Facebook Ads

1. Ho scelto l’obiettivo giusto?

La prima cosa da fare, quando si imposta una strategia di inserzioni a pagamento su Facebook, è definire un obiettivo per ogni singola campagna.

Sulla base dell’obiettivo delineato, si parte con la creazione delle inserzioni. Sono svariati gli obiettivi e sono divisi in tre macro-aree: quelli per generare notorietà del marchio, quelli per creare considerazione e quelli per portare alla conversione.

Sotto lo schema del pannello di gestione inserzioni su Facebook. Il primo imprescindibile passo è proprio questo, chiedersi qual è l’obiettivo giusto per la propria campagna: voglio portare traffico su una pagina del mio sito web? Voglio dare visibilità al mio post? Oppure voglio raccogliere dei contatti?

Sulla base di questa scelta, poi, potremo misurare i risultati in modo adeguato seguendo le relative metriche.

LEGGI ANCHE: Come analizzare e ottimizzare la Customer Journey con il Facebook Attribution Tool

Le 10 domande che dovresti farti per migliorare le tue Facebook AdsLe 10 domande che dovresti farti per migliorare le tue Facebook Ads

2. Il pubblico è corretto?

Il secondo punto importante riguarda il pubblico di riferimento. Spesso le inserzioni non performano bene, semplicemente perché le sta guardando il target sbagliato, non interessato al messaggio che stiamo dando.

Come fare per risolvere questo problema? Controlla il target che hai impostato e assicurati che non sia troppo ampio. Milioni di persone sono difficili da raggiungere.

Limita la località, vai a includere o escludere aree geografiche specifiche, definisci la fascia d’età, individua gli interessi dei tuoi potenziali utenti, dividi le diverse lingue.

Per fare questo, è fondamentale conoscere a fondo i propri potenziali clienti ed effettuare una ricerca preliminare sulla propria nicchia di mercato. In questo modo avrai un quadro chiaro per impostare il  messaggio verso le persone giuste.

LEGGI ANCHE: Come utilizzare in modo efficace il targeting su Facebook (e migliorare le performance degli annunci)

3. La mia inserzione è rilevante per il mio target?

Dopo aver capito bene a chi si rivolge il messaggio, è opportuno chiedersi se l’inserzione è pertinente per il target individuato.

Facebook ci viene in aiuto mostrandoci una stima sulla “Valutazione della qualitàâ€�, ossia un’analisi della qualità percepita dell’inserzione. La qualità viene misurata usando i feedback sulle tue inserzioni e sull’esperienza successiva al clic. La valutazione della tua inserzione viene fatta rispetto alle inserzioni che competono per lo stesso pubblico.

Le 10 domande che dovresti farti per migliorare le tue Facebook AdsLe 10 domande che dovresti farti per migliorare le tue Facebook Ads

4. Ho scelto il posizionamento giusto?

Non è facile capire da subito che posizionamento possa performare meglio per la nostra audience. Come al solito ci verrà in aiuto l’esperienza e la possibilità di lanciare dei test con diversi posizionamenti, per capire dove ci conviene investire di più.

Facebook da la possibilità di scegliere tra i posizionamenti automatici, oppure manuali.

Sulla base degli obiettivi della tua campagna, Facebook consiglia le seguenti scelte:

  • Notorietà del brand – Facebook e Instagram
  • Interazione – Facebook e Instagram
  • Visualizzazioni del video – Facebook, Instagram e Audience Network
  • Installazioni dell’app – Facebook, Instagram, Messenger e Audience Network
  • Traffico (per i clic sul sito web e l’interazione con l’app) – Facebook, Instagram, Messenger e Audience Network
  • Vendite del catalogo – Facebook e Audience Network
  • Conversioni – Facebook, Instagram, Messenger e Audience Network. L’obiettivo di ottimizzazione delle conversioni fuori dal sito supporta anche Instant Articles e Instagram Stories.

5. Ho abbastanza budget?

Un altro eterno dilemma, è il budget da utilizzare per le campagne. Ci dispiace dirti che non esiste una regola fissa.

Prima di tutto pensa a quante persone vuoi raggiungere, per quanti giorni vuoi promuovere l’inserzione e dove la vuoi posizionare. Budget troppo bassi non ti permettono di raggiungere un numero rilevante di utenti e di essere competitivo verso i competitor che a loro volta stanno utilizzando campagne di Facebook Marketing.

Anche per campagne locali con investimenti limitati, non scendere sotto ai 5 euro al giorno.

6. Il visual della mia inserzione cattura l’attenzione?

Se noti che non ci sono molti click sull’Ads, può significare che la tua immagine non è abbastanza forte da catturare i tuoi utenti e da farli fermare proprio dove vorresti tu, a guardare il tuo annuncio.

Assicurati che la tua immagine o il tuo video siamo rilevanti per il tuo pubblico, mostra qualcosa di interessante in modo chiaro e creativo.

Puoi testare più immagini, mantenendo lo stesso copy, in modo da capire qualche funziona meglio delle altre.

LEGGI ANCHE: Come creare call to action efficaci per ogni obiettivo di marketing

recruiting: employer brandingrecruiting: employer branding

7. Ci sono errori di contenuto?

Il testo deve essere chiaro, naturale, informativo e accattivante allo stesso tempo, soprattutto coerente con la parte visual.

Controlla che si legga in modo fluido, che non sia troppo pesante e la leggibilità sia buona, anche a livello visivo, dividendo i paragrafi e, se lo ritieni opportuno, aggiungendo delle emoji.

Un tool che ti può venire in aiuto per correggere sviste nei testi è grammarly: ti segnalerà gli errori grammaticali e ti suggerirà come risolverli.

A seconda della tipologia di inserzione e del messaggio che vuoi dare, assicurati che tutto sia coordinato. Testo e immagine devono essere complementari tra di loro e devono avere un unico focus, immediatamente comprensibile.

LEGGI ANCHE: 5 trucchetti per usare le emoji in modo strategico nel Social Media Marketing

8. La CTA è chiara?

Come per il contenuto nel punto precedente, la stessa cosa vale per la call to action: deve essere chiara fin da subito e soprattutto specifica.

Facebook ci da la possibilità di aggiungere ai nostri post e ai nostri annunci, dei bottoni con vari tipi di invito all’azione. Non limitiamoci sempre al solito Scopri di più, inserendo il generico sito web. Entriamo nel dettaglio del focus del nostro annuncio: che sia la vendita di un prodotto, piuttosto che la possibilità di scaricare una guida, di iscriversi ad una newsletter o di prenotare un stanza di hotel.

inserzione_Facebookinserzione_Facebook

9. La mia inserzione punta verso una landing page dedicata?

Un altro punto fondamentale è quello relativo alla pagina di atterraggio: dove vuoi portare gli utenti che hanno cliccato sul link dell’inserzione?

L’utente, dopo aver visto il tuo annuncio, si aspetta di trovare informazioni relative al messaggio che hai voluto dare. Coerenza è la parola chiave, spesso l’homepage non funziona perché troppo dispersiva e generica.

Mettiamo che nella tua Ads si proponga di scaricare una guida, la persona che clicca si aspetta di scaricarla subito, non di arrivare su una pagina dove dovrà cercare il link per scaricarla. In questo caso immediatezza è la parola chiave!

LEGGI ANCHE: 6 errori da evitare quando crei le tue Stories su Instagram

10. La frequenza di visualizzazioni è troppo alta?

Un altro motivo per cui le tue inserzioni potrebbero non portare i risultati sperati, è dovuto alla frequenza con cui le persone vedono il tuo annuncio.

Se questo numero diventa troppo alto, significa che il tuo pubblico si sta saturando. Gli utenti che avranno già visto più volte la stessa inserzione, tenderanno a non notarla più e andare oltre, senza soffermarsi. Quando questo accade è meglio fermare l’inserzione, metterla in pausa e rilanciarla dopo un paio di settimane. Cambia la creatività e riparti!

Questo dato lo trovi sempre negli insight del panello di gestione inserzioni.

Source: http://www.ninjamarketing.it/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pensa ai diversi bisogni del Suo marchio?

Contattaci e saremo più che felici di offrirle più informazioni e soluzioni.