3 esempi per usare la realtà aumentata nel mondo eCommerce

Si prevede che la realtà aumentata sarà sempre più utilizzata a livello globale raggiungendo i 120 milioni di dollari di entrate entro il 2020. Tutti i settori ne saranno pervasi rapidamente e non farà eccezione l’eCommerce, dove AR e VR permetteranno di implementare le capacità di personalizzazione e miglioreranno l’esperienza di acquisto dei clienti.

Secondo le ricerche, circa il 40% dei consumatori sarebbe disposto a spendere di più per un prodotto se l’eCommerce da cui acquista offrisse un’esperienza di realtà aumentata.

I retailer che offrono funzionalità di realtà aumentata si stanno guadagnando, quindi, un vantaggio competitivo che si convertirà presto in un aumento delle vendite online.

La realtà aumentata non fa altro che offrire esperienze sensoriali che passano dal digitale al mondo reale: un semplice esempio per capire di cosa si tratta è quello del gioco Pokémon Go, in cui è possibile vedere la grafica materializzarsi nel mondo reale attraverso la fotocamera dello smartphone, o l’esperienza offerta dai Google cardboard nella visione di un video a 360°.

LEGGI ANCHE: Lush apre a Tokyo un concept store che fonde esperienza digitale e realtà aumentata

VR, AR ed eCommerce

Nell’eCommerce, la realtà aumentata consente di effettuare acquisti direttamente tramite smartphone o pc, all’interno di ambienti virtuali, magari usando semplicemente i movimenti oculari.

Se il primo settore nel quale la realtà aumentata si è diffusa è stato quello dei videogame, questa tecnologia si sta rapidamente espandendo anche ad altri settori, come quello sanitario, quello del design e naturalmente quello dell’eCommerce.

Basti pensare all’app di IKEA che consente di visualizzare come sarebbero i mobili del noto marchio se posizionati all’interno della nostra abitazione.

Per avere un’idea ancora più chiara di come la realtà aumentata e la realtà virtuale incideranno sul mondo eCommerce nel prossimo futuro, analizziamo gli esempi di alcuni grandi brand che la stanno già utilizzando con successo.

Sephora migliora l’esperienza di acquisto

Per molti metà del divertimento dello shopping è nel provare a vedersi in panni nuovi, cambiando look in camerino o provando qualche nuovo tipo di make-up. Ecco perché l’app Virtual Artist di Sephora è tanto amata dai consumatori online.

Grazie a questo strumento è possibile provare diversi colori di rossetti e gloss sulle labbra, differenti spessori delle ciglia, le varianti di colori degli ombretti e dei fard.

Per testare su se stessi le diverse tonalità basta un click, e si può facilmente avere un’idea di ciò che ci dona di più.

Questa esperienza virtuale è persino migliore di un’esperienza dal vivo, poiché non richiede la necessità di ripulire le mani e il viso dopo l’applicazione e consente di effettuare il test direttamente sulle labbra.

Una soluzione facilmente adattabile anche all’abbigliamento.

LEGGI ANCHE: Così Sephora resiste ad Amazon e alle vendite online (investendo in tecnologia)

Amikasa personalizza gli acquisti online

Amikasa è un eCommerce che offre un’app per la realtà aumentata che permette di progettare la casa dei nostri sogni usando mobili di marche reali.

È un ottimo strumento utilissimo per chi sta acquistando una nuova casa o sta ristrutturando, perché consente di avere un’idea chiara del risultato finale personalizzando ogni ambiente, cambiando i colori dei prodotti e visualizzando i mobili che se fossero effettivamente in casa.

Il risultato finale è un mini progetto grazie al quale avere un’idea di come appariranno gli spazi e capire se qualcosa non si adatta al layout delle stanze.

LEGGI ANCHE: La NASA usa la Realtà Aumentata per costruire il suo nuovo veicolo spaziale

Faretra per coinvolgere divertendo

Faretra è un esempio di realtà aumentata applicata a un prodotto per bambini.

Unite gioco e realtà aumentata all’eCommerce e avrete un successo assicurato in questa categoria merceologica.

Lo strumento permette ai bambini di scaricare e stampare pagine da colorare. Una volta finito di colorare la propria immagine, si può usare l’app Quiver per dare vita all’immagine, creando così un’esperienza di gioco interattiva davvero coinvolgente per i più piccoli.

Source: http://www.ninjamarketing.it/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pensa ai diversi bisogni del Suo marchio?

Contattaci e saremo più che felici di offrirle più informazioni e soluzioni.