Slow Food contro il sistema alimentare moderno: concausa del climate-change

  • La pressione dell’uomo sull’ambiente ha portato effetti negativi
  • Negli ultimi anni è esploso il tema climate-change
  • Il marchio Slow Food punta all’elaborazione di una strategia verso un’alimentazione sostenibile
  • Consigli per una nuova agricoltura e un allevamento sostenibile

___

Gli effetti dell’inquinamento atmosferico sono sempre più noti e tangibili. Stando ai risultati di un recente studio condotto dal Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP), le attività agricole e zootecniche sono tra i principali agenti di minaccia ambientale, con particolari effetti sul cambiamento degli ecosistemi e del clima. Il settore alimentare sarebbe responsabile del 31% delle emissioni di gas serra in Europa. Basti pensare che la produzione di 1 kg di manzo genera qualcosa come 36,4 kg di anidride carbonica, senza considerare poi il trasporto e la gestione dell’azienda agricola.

La pigrizia fa male all’ambiente

Immagine correlataImmagine correlata

Il mondo occidentale si è crogiolato per anni nella positività dell’abbondanza, senza preoccuparsi della qualità e della provenienza del cibo. Intanto, la biodiversità diminuiva e i piccoli produttori entravano in crisi. L’attuale modello agroalimentare, fortemente industrializzato,  ha favorito infatti il massiccio utilizzo di derivati petroliferi, come pesticidi e fertilizzanti, nonché la diffusione delle monoculture, soprattutto per garantire l’alimentazione animale. La costante pressione dell’uomo sull’ambiente, ha portato ad effetti negativi evidenti: dall’erosione del suolo all’inquinamento delle falde acquifere e quindi alla progressiva perdita della diversità, biologica e culturale.

Cibo-clima: un problema ignorato dal mondo politico

Immagine correlataImmagine correlata

Nonostante i dati siano allarmanti però, a livello internazionale si fatica a riconoscere la responsabilità del sistema alimentare nei confronti del climate-change; eppure l’impatto di agricoltura e allevamento è notevole. Inserire il tema al centro dell’agenda politica, significherebbe pensare ad azioni concrete per la salvaguardia del Pianeta, quel puntino nello spazio che ci accoglie e che noi stiamo depauperando, più o meno consapevolmente, con sfrenato egoismo.

Slow Food punta alla rivoluzione del sistema alimentare moderno

A fronte di questa situazione, Slow Food, associazione eco-gastronomica nata a Bra (CN) e ora conosciuta a livello internazionale, all’interno di un recente documento riguardante il binomio cibo-ambiente, sottolinea la necessita di elaborare una strategia condivisa per muovere verso un’alimentazione più sostenibile, attraverso l’introduzione di nuove forme di produzione e di consumo.

Un approccio olistico quindi quello proposto da Carlo Petrini, visionario fondatore del movimento.

 

Immagine correlataImmagine correlata

LEGGI ANCHE: 5 casi di successo di marketing enogastronomico su Instagram

I 7 principi della filosofia Slow Food

La filosofia di Slow Food, che si traduce nello slogan del “buono, pulito e giusto�,  si basa su sette insindacabili principi: il miglioramento della sostenibilità dei sistemi produttivi, la conservazione delle risorse, l’efficienza energetica, la tutela della biodiversità, la filiera corta, la dieta sostenibile e la tutela dei saperi tradizionali.

Immagine correlataImmagine correlata

Al di là del sapore romantico della teoria, Slow Food, con piglio deciso e pragmatico, stila un elenco di consigli utili per innescare un cambiamento radicale nell’attuale sistema alimentare, coinvolgendo i diversi attori della filiera, dal produttore al consumatore.

Consigli per una “nuova� agricoltura:

  • Adottare sistemi di lotta integrata che permettano di ridurre al minimo l’utilizzo di pesticidi e fertilizzanti chimici;
  • Contrastare i metodi di produzione intensiva, limitando lo sfruttamento del suolo e supportando l’agricoltura di piccola e media scala;
  • Scegliere varietà vegetali autoctone, resistenti e poco esigenti;
  • Contrastare la diffusione delle monocolture, a favore della biodiversità;
  • Sostenere pratiche agricole ecologiche, che comprendano il riciclo delle risorse nutritive ed energetiche;
  • Proporre un nuovo modello agricolo per l’Europa, una PAC più attenta alla salvaguardia dell’ambiente.

Consigli per un allevamento sostenibile:

  • Allevamento di razze autoctone, adattate al clima e alla geografia locale
  • Favorire l’allevamento estensivo, riducendo la concentrazione dei capi di bestiame
  • Adottare tecniche rispettose del benessere animale
  • Utilizzare mangimi senza OGM e di qualità
  • Limitare l’utilizzo degli antibiotici esclusivamente ai casi in cui non esistono altri rimedi efficaci e quando il trattamento è necessario per prevenire patologie riconosciute

LEGGI ANCHE: Il biologico punta alle nostre emozioni: colpiti e affondati

Il consumatore come “co-produttore�

Immagine correlataImmagine correlata

Anche noi consumatori svolgiamo un ruolo importante all’interno di questa “rivoluzione�. Abbiamo infatti il potere di condizionare l’entità della domanda e quindi l’andamento del mercato. Il nostro unico compito è quello di diventare degli acquirenti consapevoli, sostituendo la passività con l’attività. In questo modo, quando andremo a fare la spesa, non passeremo davanti agli scaffali in modo svogliato, quasi per inerzia,  ma ci soffermeremo a leggere le etichette dei prodotti, così da valutarne la provenienza e comprenderne, per quanto possibile, i processi produttivi. La chiave per capire e migliorare il sistema alimentare è, come nella maggior parte dei casi, l’informazione.

Slow Food rappresenta un esempio virtuoso, a cui va il merito di aver evidenziato un problema reale finora trascurato e di aver proposto soluzioni pratiche, orientate all’ottenimento di risultati immediati.

 

Source: http://www.ninjamarketing.it/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pensa ai diversi bisogni del Suo marchio?

Contattaci e saremo più che felici di offrirle più informazioni e soluzioni.