I guai di Uber, il nuovo sistema operativo di Huawei. Apple. Netflix

Uber

Nel secondo trimestre Uber ha registrato una perdita record di oltre 5 miliardi di dollari, mentre la sua crescita ha rallentato significativamente, sollevando dubbi sul modello di business dell’azienda. La perdita ha subito avuto riflessi alla Borsa di New York: il titolo dell’azienda ha perso fino al 12% negli scambi elettronici prima di limitare il danno. 

uberuber

Huawei

Huawei ha lanciato  un nuovo sistema operativo per aggirare le sanzioni Usa che di fatto impediscono al colosso cinese delle telecomunicazioni di accedere al sistema Android. A presentarlo Richard Yu durante una conferenza degli sviluppatori a Dongguan, nel Sud della Cina: “Lo abbiamo battezzato HarmonyOS. Speriamo di portare nel mondo più armonia e facilità” ha dichiarato il CEO.

LEGGI ANCHE: Huawei risponde al ban e annuncia un sistema operativo alternativo ad Android

Huawei mercato degli smartphoneHuawei mercato degli smartphone

Apple

Fino a un milione di dollari per le vulnerabilità critiche, potenzialmente in grado di mettere in ginocchio la sicurezza degli iPhone e dei computer della linea Mac. È quanto Apple riconoscerà per le segnalazioni dei bug più gravi scovati all’interno dei suoi software. La novità è stata anticipata nei giorni scorsi sulle pagine di Forbes, poi confermata direttamente dal gruppo di Cupertino in occasione della conferenza Black Hat a Las Vegas.

Netflix

il 21 agosto debutta su Netflix American Factory, l’opera prima di Barack e Michelle Obama. Realizzato da Higher Ground, la casa di produzione dell’ex coppia presidenziale, diretto da Steven Bognar e Julia Reichert, il documentario segue la storia della chiusura nel 2008 di uno stabilimento della General Motors a Dayton in Ohio.

LEGGI ANCHE: Diritti civili, alimentazione e lavoro: le prime storie degli Obama per Netflix

ninjaninja

Smartphone

L’uso prolungato dei telefoni cellulari, su un arco di 10 anni, “non è associato all’incremento del rischio di tumori maligni o benigni”. E’ questa la conclusione del nuovo rapporto Esposizione a radiofrequenze e tumori, curato da Istituto superiore di sanità (Iss), Arpa Piemonte, Enea e Cnr-Irea.

Source: http://www.ninjamarketing.it/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pensa ai diversi bisogni del Suo marchio?

Contattaci e saremo più che felici di offrirle più informazioni e soluzioni.