hello@pluscreativo.com
+1 307-417-6125

Come scegliere i canali social più giusti per il tuo business

Le aziende e i brand che ancora non hanno trovato il loro posto nel mondo dei social media, stanno perdendo una grossa opportunità: quella di dialogare ed entrare in contatto con potenziali clienti.

Forse starete pensando: ma il mio target non usa i social! Instagram è solo per i ragazzini e Facebook ormai è in declino. Bando alle chiacchiere da bar, come sempre bisogna analizzare il contesto, guardare ai numeri e capire dove può essere utile esserci e perché.

Il solo Facebook ha raggiunto 31 milioni di utenti attivi in Italia. E sicuramente in questa gigantesca mole di persone si trova un pubblico che può fare al caso vostro e che si aspetta che voi ci siate.

Non è importante essere presenti su tutti i canali, ma capire quali fanno davvero per voi!

LEGGI ANCHE: Tutto quello che non puoi fare sui social network (e che forse non sapevi)

Facebook, Twitter, Instagram, YouTube, LinkedIn esserci o non esserciFacebook, Twitter, Instagram, YouTube, LinkedIn esserci o non esserci

Facebook rimane il gigante

Se avete un’attività o un brand, ormai è quasi impossibile non essere presenti su Facebook. Nonostante la crisi, rimane questo il gigante dei social media con ben 2,2 miliardi di utenti attivi a livello globale.

Se non l’avete ancora fatto, è ora di aprire la vostra pagina aziendale!

Facebook permette di aprire delle chat direttamente con gli utenti, di avere recensioni sui prodotti o servizi, di attivare campagne pubblicitarie mirate su target e pubblici che si possono profilare in modo molto specifico. Ha un sistema di advertising complesso, che se ben gestito permette di raggiungere la propria nicchia di riferimento e avere ottimi risultati. Un social media completo con tantissime funzionalità interessanti.

Tra tutte le piattaforme Facebook rimane ancora quella che non si può proprio ignorare.

LEGGI ANCHE: Cos’è e a chi serve davvero Business Manager, lo strumento per il marketing di Facebook

ninjaninja

Twitter per l’assistenza diretta

Twitter è più lento nell’innovazione. Sebbene abbia una sua nicchia di utilizzatori, non si evolve rapidamente come gli altri.

Molti business che iniziano ad usarlo, dopo poco lo abbandonano perché non riescono a trarne i risultati sperati nel breve periodo.

Sempre dando un occhio ai numeri, Twitter conta 326 milioni di utenti attivi al mese a livello globale: il 37% tra i 18 e i 29 anni, il 25% tra i 30 e i 49.

Serve molto impegno, costanza e perseveranza per riuscire a raggiungere un buon seguito su Twitter, perché è un social che si basa sul dialogo e la partecipazione live.

Può essere molto utile nel servizio di relazione con i clienti. Se ben usato può diventare un alleato prezioso come supporto alla vendita e assistenza diretta permettendo di avere un contatto diretto ed immediato tra utenti.

LEGGI ANCHE: Social Trend 2019: quale ruolo avrà Twitter?

socialsocial

Instagram per la componente visiva

Instagram mette al primo posto le immagini, per questo motivo può diventare una risorsa preziosa per quei business che possono creare ottimi contenuti visivi.

Se ad esempio gestite una pasticceria o un ristorante potrete creare fotografie di qualità che diano risalto a piatti e dolci. Video e Stories sono altre componenti fondamentali.

La crescita del social non avviene solo a livello mondiale: conta 19 milioni di utenti attivi in Italia, con un incremento del 36% rispetto all’anno precedente.

È importante considerare anche la composizione demografica, per capire se questo social media può abbracciare il vostro target.

LEGGI ANCHE: Consigli utili (e qualche trucchetto) per farsi notare con le Instagram Stories

LEGGI ANCHE: Disneyland Tokyo, #metoo, #timesup: il 2018 secondo Instagram

YouTube per dare risalto ai prodotti

YouTube è il social re dei video. Se pensare di poter creare e realizzare video con costanza e avete bisogno di una piattaforma per dargli visibilità, allora è il canale che fa per voi.

Se questo non è possibile, evitate di aprire un canale per tenerlo morto o con pochi iscritti.

YouTube, in linea generale, si presta molto bene ai contenuti dimostrativi, agli how to e ai tutorial, per permettervi di spiegare i dettagli dei vostri prodotti o per dare un’aggiuntiva assistenza post-vendita.

LEGGI ANCHE: Ora puoi fare le Stories anche su YouTube (ma solo se hai almeno 10 mila follower)

youtubeyoutube

LinkedIn come canale aziendale ufficiale

LinkedIn è la più grande e attiva piattaforma di networking professionale al mondo, con circa 500 milioni gli utenti attivi. Risulta straordinaria la crescita di LinkedIn in Italia che supera i 10 milioni di utenti unici.

A differenza degli altri social, LinkedIn è nato con una mission ben precisa, che non è mai cambiata nel tempo: collegare i professionisti per aumentare produttività e successo.

LEGGI ANCHE: Cosa cambia con le pagine aziendali Linkedin

Avere una pagina aziendale su questa piattaforma è importante per determinare la propria presenza ufficiale online e magari per cercare talenti da assumere in azienda. Si tratterà del canale che potremmo definire più “formale”.

Sia che vi rivolgiate ad un mercato B2B o B2C, avrete modo di condividere contenuti e dare visibilità alla vostra attività anche tra gli addetti ai lavori.

L’articolo Come scegliere i canali social più giusti per il tuo business proviene da Ninja Marketing · la piattaforma italiana per la digital economy.

Source: http://www.ninjamarketing.it/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pensa ai diversi bisogni del Suo marchio?

Contattaci e saremo più che felici di offrirle più informazioni e soluzioni.